30 novembre 2017

via giulia e il vicolo della moretta

La mia esplorazione costante della città non poteva trascurare quella evidente ferita rimasta aperta tra via Giulia, il vicolo della Moretta e il vicolo del Malpasso dopo le varie demolizioni avvenute tra la fine del XIX secolo e gli anni del fascismo. 
Nella porzione di lotto costruita è compresa anche la piccola chiesa di San Filippo Neri la cui elegante e minuta facciata tardo-barocca realizzata su progetto di Filippo Raguzzini, quello dei palazzetti tutti curve di piazza Sant'Ignazio, è inglobata nello strano e incompleto prospetto in parte vuoto che affaccia su via Giulia.

La facciata del lotto della Moretta su via Giulia

11 ottobre 2017

Capolavoro trascurato

L'architettura moderna a Roma, e non solo a Roma, ha una vita difficile per una serie di ragioni diverse legate alle sue caratteristiche materiali, alla difficoltà abbastanza tipica della cultura italiana nell'accettare il gusto moderno e a motivazioni ideologiche che la fanno coincidere più per motivi temporali che formali con il regime fascista di Mussolini. 
Proprio per combattere contro queste difficoltà è nata DOCOMOMO italia, sezione nazionale dell'organizzazione Docomomo international sigla do.co.mo.mo che sta per documentation and conservation of modern movement.

Capolavoro trascurato

12 settembre 2017

Piazza dell'Oro

Nonostante la sua bellezza indiscutibile, il centro di Roma presenta ancora oggi in alcune sue parti delle ferite piuttosto evidenti mai rimarginate.
Piazza dell'Oro è una di queste, meno centrale e nevralgica di piazza del parlamento su cui ho già scritto un post, ma soprattutto meno nota perchè il suo nome non ha nessun evidente legame con la chiesa di San Giovanni dei Fiorentini davanti alla quale si apre. 
Oggi la piazza è lo strano risultato di uno sventramento piuttosto infelice mai ricucito, in un'area di grandissimo interesse storico e urbano, tra ponte Sant'Angelo e Via Giulia.

Prospetto informale

24 maggio 2017

In bici fin sul Campidoglio

Roma è sempre alla ribalta della cronaca per essere poco virtuosa, ma la sua bellezza accumulata nei secoli è difficile da eguagliare e anche non abitando proprio al centro è possibile salire su una bici e arrivare fino al Campidoglio senza grandissima fatica.

In bici sul Campidoglio vista Foro Romano

9 maggio 2017

a cosa serve l’Architettura?


L’architettura serve a organizzare e disegnare gli spazi di vita delle persone per renderli dei veri luoghi esistenziali, allo stesso tempo significativi e consueti, protettivi e stimolanti, esclusivi e accoglienti.

La scalinata di trinità dei Monti a Roma