30 luglio 2014

BSI Swiss Architectural Award 2014

La Giuria - presieduta dall'architetto Mario Botta e composta tra gli altri da Alberto Campo Baeza e Bruno Reichlin - ha attribuito all’unanimità il premio BSI Swiss Architectural Award 2014 a José Maria Sanchez Garcia, per la sistemazione dell’area del Tempio di Diana a Merida (2005-2008), il centro per l’innovazione sportiva “el Anillo” a Guijo de Granadilla (Cáceres, 2008-2009), il centro per il canotaggio ad Alange (Badajoz, 2008-2010).

José Maria Sánchez García: progetti presentati
Il Premio intende riconoscere gli architetti che hanno offerto un contributo rilevante alla cultura architettonica contemporanea, dimostrando particolare sensibilità nei riguardi dell’equilibrio ambientale e contribuendo in tal modo a migliorare la qualità di vita dell’uomo.

25 luglio 2014

Premi INARCH ANCE V edizione

La Giuria dei Premi Inarch Ance, giunta alla quinta edizione, con presidente Giuseppe Roma e composta da Paolo Buzzetti,  Filippo Delle Piane, Boris Podrecca, Giuseppe Barbieri, Piero Ostilio Rossi e Paolo Iotti, riunitasi a Roma il 1 Luglio 2014, ha votato come migliore opera di architettura di nuova costruzione per il triennio 2011-2014 il Nuovo Teatro dell’Opera di Firenze, commissionato dal  Comune di Firenze e dalla Presidenza del Consiglio dei Ministri, progettato dallo studio romano ABDR e realizzato dall’impresa SAC SpA.
“Un’opera pubblica di qualità, uno spazio per la cultura realizzato con altissimi standard tecnologici e, soprattutto, un significativo intervento di riqualificazione urbana”. 

 

Nell'edizione precedente del 2011 il premio era andato al Museo Nazionale dell'automobile di Torino realizzato su progetto di Cino Zucchi.


21 luglio 2014

Phyllis Lambert and the italian architects



One of the things that has always greatly impressed me of Italy is the contrast between the many wonderful historical towns, for example in the neighbourhood of Vicenza, where I was recently, or in the area of Lecce and in all the region of Puglia, and the really bad quality of many residential areas around them. It makes you wonder where the architects who have designed them have studied, or perhaps many of them were not even architects. There is something very wrong with this state of affairs.

Phyllis Lambert (© JBC Média par Claude Gagnon)

17 luglio 2014

economia della cultura

La cultura permette di mangiare, nel senso di creare economia?
Alla domanda tormentone degli ultimi tempi forse c'è una risposta, anzi più di una. 
Il Giornale dell'Arte infatti in occasione del Master in World Heritage and Cultural Projects for Development dell’Università e del Politecnico di Torino, che si è svolto il 29-30 maggio scorsi, ha intervistato cinque economisti e un banchiere con esperienze internazionali nel campo della cultura per sapere quali sono i loro consigli per il nostro Paese.
Le risposte degli esperti sono estremamente interessanti, perchè tracciano diversi scenari utili a capire come investire al meglio il denaro pubblico per lo sviluppo economico del patrimonio culturale, dimostrando che è possibile creare sviluppo in diversi modi attraverso i beni culturali.
L'architettura viene citata più volte dagli esperti come uno dei motori trainanti dell'industria cretiva ed è evidente che tutte le economie avanzate puntano molto su questa disciplina, sia per alimentare il dibattito culturale che per migliorare gli spazi di vita e l'immagine delle città.
il giornale dell'arte

14 luglio 2014

periferie alla prova di maturità


Quando i commissari d’esame hanno aperto le buste con i temi d’italiano mi sono reso conto che il rammendo delle periferie è entrato nella coscienza collettiva. Che dire? Sono l’architetto e senatore più felice del mondo. Quello che intendo come ruolo di senatore a vita è proprio questo: risvegliare le coscienze, soprattutto quelle dei giovani che in questi giorni affrontano la prova di maturità. (Renzo Piano - Il rammendo delle periferie nella coscienza collettiva)
 
Sarei davvero curioso di leggere cosa hanno scritto i nostri maturandi che hanno scelto di svolgere la traccia sul "rammendo delle periferie", visto che si tratta di un tema che generalmente porta con se fiumi di retorica e che troppo spesso è relegato a discussioni isolate delle varie categorie - urbanisti, politici, sociologi, economisti, artisti ecc... - ciascuno con la sua visione ristretta e con la stessa incapacità di cogliere i fenomeni nel loro complesso. 
Già solo riuscire a comprendere e definire il senso della parola periferia nell'ambito della città contemporanea è un tema complicato, con cui gli urbanisti combattono già da molti anni e che sembra abbiano risolto per esclusione...    

Palermo, Genova, Bologna e Napoli da listonemg


9 luglio 2014

la critica dell'architettura

Joseph Rykwert, storico dell'architettura inglese, ha scritto un articolo dal titolo piuttosto esplicito  Ma la critica conta qualcosa? pubblicato su Domus lo scorso aprile.


Proprio nello stesso periodo uno dei critici americani di architettura più influenti, Paul Goldberger, in precedenza al New York Times e vincitore del premio Pulitzer, ha lasciato il prestigioso The New Yorker per andare a lavorare a Vanity Fair.

Paul Goldeberger

4 luglio 2014

Piuarch best italian architectural firm 2013

Just some days ago the Italian Architects network announced the calls for the awards to the Italian architects of 2014 and in the jury we find also Francesco Fresa, partner of Piuarch, the office winner of 2013 edition.

Chosen from the 70 nominations made ​​by the  members of the 105 provincial architects boards, Piuarch - composed by Francesco Fresa, Germán Fuenmayor, Gino Garbellini and Monica Tricario - was considered emblematic example of how you can achieve a high architectural and urban quality from the complexity of the forces that act on the transformation of the environment today, expressing a significant ability to actually dialogue with different cultures, expectations, financial and technical resources.
Some project built by Piuarch, such as Congress Center in Riva del Garda, Bentini Headquarters in Faenza, Four Courts in San Pietroburgo, the subsidized housing complex in Sesto San Giovanni, Offices of Porta Nuova in Milan, show, in fact, as you can pursue new forms of urbanity and new areas of life and work in professional conditions in profound and continuous change. (Press Release CNA)

PIUARCH